La guida autonoma secondo Hyundai

La casa coreana, attraverso la sua società di investimenti e open innovation Cradle, è entrata in Metawave Corporation, azienda all’avanguardia nella piattaforma radar intelligente

Prosegue a pieno ritmo lo sviluppo di nuove tecnologie finalizzate alla guida autonoma da parte della Hyundai. Lo scorso gennaio il marchio coreano ha avviato una partnership strategica con Aurora, società leader nello sviluppo della tecnologia self-driving, per la realizzazione di nuove auto a guida autonoma entro il 2021.
Ora, attraverso Hyundai Cradle, società di investimenti e open innovation della casa madre, ha annunciato il suo investimento in Metawave Corporation finalizzato  sviluppo di radar intelligenti per le auto a guida autonoma.

La società californiana Metawave è all’avanguardia nel campo del rilevamento radar sfruttando l’intelligenza artificiale e i metamateriali, ovvero materiali che utilizzano strutture dalle proprietà elettromagnetiche uniche e che non esistono in natura.
Attualmente la Hyundai sta valutando l’adozione di nuove tecnologie, come appunto il sistema radar ad alte prestazioni di Metawave, per la realizzazione delle future piattaforme dei veicoli a guida autonoma.

“La tecnologia radar di nuova generazione è capace di utilizzare algoritmi avanzati per il rilevamento e la classificazione degli oggetti – ha dichiarato John Suh, vicepresidente di Hyundai Cradle – Un nuovo sistema radar in grado di aumentare risoluzione e accuratezza tramite l’intelligenza artificiale sarebbe una tecnologia rivoluzionaria”.

Allo stato attuatale i principali elementi che compongono i sistemi di percezione dei veicoli autonomi si basano su tre sensori: videocamera, LiDAR e radar. La videocamera è il sensore con la massima risoluzione, però non riesce a rilevare oggetti più lontani di 50 metri, mentre il LiDAR estende la portata a circa 150 metri, con una capacità di acquisizione di immagini un po’ minore, ma come per la videocamera risente negativamente delle cattive condizioni meteo e delle strade sporche.

Il radar invece lavora a frequenze inferiori consentendo una maggiore velocità e portata in ogni condizione ma ha come limite un raggio di azione limitato sulle distanze maggiori e la bassa risoluzione non gli consente di distinguere le differenze tra i vari oggetti. A tutto ciò bisogna aggiungere, e non è un fattore da poco, che per utilizzare i complessi segnali digitali, il sistema attuale per funzionare correttamente ha bisogno di svariate antenne e processori molto costosi.

Per contro, Warlord,la piattaforma radar avanzata di Metawave, funziona con una sola antenna e supera i confini del complesso spazio analogico offrendo risposte precise e rapidissime. Inoltre l’antenna stessa forma e indirizza un fascio omnidirezionale sfruttando algoritmi di intelligenza artificiale per riconoscere immediatamente gli oggetti e inviare una mappa 4-D point cloud al sistema.

“L’investimento di Hyundai rappresenta un’altra pietra miliare dell’azienda e fornisce un’ulteriore prova della nostra rapida crescita mentre introduciamo il radar Warlord sulle auto a guida autonoma – ha sottolineato Maha Achour, Ceo di Metawave – Questa tecnologia sarà un fattore determinante per Hyundai e i costruttori che stanno cercando di migliorare l’esperienza del veicolo”.

Insomma con questa nuova partecipazione la Hyundai prosegue nella sua strategia di implementazione delle tecnologie verso la realizzazione di una guida autonoma sempre più sicura e dai costi più contenuti.

by Digital Manager Automotive Amos Amodei

play storeApp Store

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.