LA #NISSAN IRROMPE NEL SEGMENTO C CON PULSAR

Nissan Pulsar GruppoResicar Alessandria Piemonte LA #NISSAN IRROMPE NEL SEGMENTO C CON PULSAR

PALERMO (ITALPRESS) – Concorrenza spietata nel segmento delle medie (dominato dalla VW Golf) dove irrompe la Nissan Pulsar. Una due volumi battezzata con il nome dei fari pulsanti dell’universo, le stelle di neutroni. Il marchio giapponese protagonista con Qashqai e Juke ritorna nel segmento C. “Nostro obiettivo è quello di completare la gamma – ha sottolineato Leonardo Mattozzi, coordinatore Marketing – e lo facciamo con umiltà ben sapendo che altre famiglie offrono versioni wagon e ibride. Ma siamo certi che la nostra proposta susciterà consensi”. Più che la star Golf, la 308 Peugeot, la Ford Focus, l’Opel Astra e la Citroen C4 la Pulsar 5 porte lancia la vera sfida a Kia Cee’d, Hyundai i30, Toyota Auris, Mazda 3. Nasce a Barcellona dove viene prodotta in 64.000 unità all’anno. In Italia arriverà nelle concessionarie il 3 ottobre (porte aperte il 18-19 ottobre), con prezzi a partire da 17.900 euro fino a 24.350 euro e una previsione di vendita di 2.000 esemplari per il 2014, che saliranno a 5.000 unità, nel 2015. Sotto il cofano lavorano il 1.2 DIG-T a benzina e il 1.5 dCi diesel, a cui si aggiungerà in primavera il 1.6 DIG-T da 190 cv, molto probabilmente accompagnato da una versione sportiva;
successivamente sarà disponibile anche la bi-fuel a GPL, in fase di sviluppo. “Chi vuole un modello del segmento C ha le idee chiare – ha riferito Bruno Mattucci, ad di Nissan Italia – non sceglie tra berline e crossover ma opta per una sola tipologia di auto”. Il design (ma anche la piattaforma) è derivato dall’ultima generazione del Qashqai e in parte dal più grande X-Trail. Dunque ritroviamo il logo incorniciato da una griglia a V e dietro spiccano le luci a forma di boomerang. Linea muscolosa e abitacolo spazioso. Lunghezza di 4,38 m. bagagliaio di 385 litri.
Questa due volumi offre contenuti innovativi, dal pacchetto Nissan Safety Shield, che integra una serie di sistemi di assistenza alla guida evoluti, come il rilevamento degli oggetti in movimento, l’allarme di abbandono corsia e dell’angolo cieco; c‘è anche l’Around View Monitor che permette di visualizzare sulla plancia un’immagine a 360° della realtà esterna all’auto, risultando preziosa nelle situazioni di parcheggio per verificare i dintorni. La gamma si articola negli allestimenti Visia, Acenta e Tekna: già dal primo sono di serie 6 airbag, climatizzatore, cruise control e Start/Stop, che contribuisce ad abbassare i consumi dei due quattro cilindri disponibili (Euro 6 fra qualche mese). Il 1.2 DIG-T turbocompresso a iniezione diretta ha un consumo di 5 L/100 km (117 g/km di CO2), ma esprime 115 cv e 190 Nm di coppia. Il 1.5 dCi eroga 110 cv e 260 Nm tra i 1.750 e i 2.500 giri, consumo di 3,6 L/100 km, con 94 g/km di emissioni di CO2. Su entrambi i propulsori di serie un cambio manuale a 6 rapporti che si rivelano molto lunghi. Lo si percepisce in autostrada, quando a 130 km/h il 1.2 benzina si trova a 2.600 giri, contribuendo alla silenziosità dell’abitacolo, che è disturbata solo leggermente dal rotolamento delle gomme. Si sta comodi anche dietro, dove si apprezza l’ampio spazio per le gambe. Abitacolo luminoso, confortevole, visibilità ottima. Ricco di contenuti il cruscotto, la consolle ospita il sistema avanzato di infotainment Connect dotato di uno schermo da 5,8” e capace di integrare gli smartphone con il software in vettura.by italpress.com

play storeApp Store

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi