Nissan e Toscandia, la partnership sostenibile

Nissan, che per prima ha creduto nella mobilità elettrica di massa con la produzione di LEAF, il veicolo 100% elettrico più venduto al mondo, dispone di un’intera gamma di veicoli per il trasporto privato, pubblico e nissan-leafdi merci, e ha recentemente introdotto sul mercato di massa una nuova batteria in grado di garantire fino a 250km di autonomia

“La tutela dell’ambiente e l’utilizzo responsabile delle risorse sono le principali sfide che le nostre società dovranno affrontare nei prossimi decenni, in materia di sostenibilità, e la mobilità elettrica ad oggi rappresenta l’unica soluzione a emissioni zero concreta, pratica e accessibile”: secondo Vincenzo Varriale, Direttore Corporate Sales e Paolo Matteucci, Direttore Veicoli Elettrici, puntare sull’intelligenza e sul progresso tecnologico è un passaggio fondamentale per recuperare il contatto con la natura e suoi ritmi, ed è infatti stato questo il focus del convegno “La strada per una mobilità sostenibile” organizzato da Toscandia, la concessionaria che anche per Nissan opera in Toscana, Umbria e Sardegna, in occasione dei suoi 40 anni di attività.

In termini di autonomia e prestazioni, i veicoli elettrici sarebbero in grado di sostituirsi perfettamente a quelli a propulsione tradizionale, soprattutto nel trasporto urbano e negli spostamenti medi compiuti dagli italiani. I vantaggi ambientali sono innegabili: zero emissioni di CO2 o altri inquinanti (particolato o NOx) durante la guida, riduzione dell’inquinamento acustico, maggiore efficienza energetica.

Nissan, che per prima ha creduto nella mobilità elettrica di massa con la produzione di LEAF, il veicolo 100% elettrico più venduto al mondo, dispone di un’intera gamma di veicoli per il trasporto privato, pubblico e di merci, e ha recentemente introdotto sul mercato di massa una nuova batteria in grado di garantire fino a 250km di autonomia.

Con oltre 4 miliardi di dollari investiti in ricerca e sviluppo, le iniziative già avviate sono numerose e significative: dalla produzione di batterie agli ioni di litio riciclabili e riutilizzabili, all’implementazione di infrastrutture di ricarica e di dispositivi di ricarica rapida fissa e mobile per gli EV, ma anche sistemi

di alimentazione bidirezionali tra il veicolo e la casa come il “LEAF to Home”, o modelli di integrazione tra i veicoli e le reti di distribuzione energetica denominati “Vehicle to Grid”, in grado di evolvere il concetto di veicolo da mezzo di trasporto a vettore di energia.

by Amos Amodei Digital Automotive Manager

 

play storeApp Store

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi