Volvo: il casco del ciclista comunica con l'auto | | GruppoResicar v 3.0

Volvo: il casco del ciclista comunica con l’auto

Il sistema sarà presentato al Ces di Las Vegas e serve per prevenire una collisione molto pericolosa per il ciclista.
Volvo: il casco del ciclista comunica con l'auto
OBIETTIVO: SALVARE I CICLISTI – Evitare (o almeno ridurre drasticamente) gli incidenti tra auto e ciclisti. Questo è l’obiettivo che si è data la Volvo avviando la collaborazione con la POC (azienda svedese specializzata in caschi e sistemi di protezione per sportivi) e la Ericsson (telecomunicazioni) che porterà a presentare al prossimo Consumer Electronic Show di Las Vegas, in programma dal 6 al 9 gennaio, il primo dispositivo pensato per mettere in comunicazione chi è al volante di un’auto e, appunto, i ciclisti.
VIA CLOUD – In pratica si tratta di un sistema che permette a entrambe le parti di essere informate in tempo reale della posizione dell’altro, con intervento automatico di eventuali allerte. Il casco del ciclista e l’auto si scambiano informazioni circa la rispettiva posizione e in caso che il sistema rilevi la possibilità di collisione viene attivato un segnale di allarme per entrambe le parti. In un display a bordo dell’automobile e sotto forma di segnale luminoso nel casco del ciclista. Le comunicazioni avvengono attraverso il mega server cloud.
RISPOSTA A UNA REALTÀ DRAMMATICA – A spingere la Volvo a intraprendere lo studio e la sperimentazione del casco-salvaciclisti sono state le statistiche degli incidenti: in Europa la metà degli incidenti stradali in cui perde la vita un ciclista avviene con il coinvolgimento di un’automobile; negli Usa nel corso del 2012 49 mila ciclisti sono rimasti feriti in incidenti stradali mentre 726 hanno perso la vita in analoghe situazioni. Da questo bollettino di guerra è nata l’idea in Volvo di cercare qualche soluzione che consente di porre fine al problema.

by Digital Manager Amos Amodei




1 comment on “Volvo: il casco del ciclista comunica con l’auto”

  1. ROBERTO Rispondi

    Geniale intuizione che Volvo realizza e sperimenta su strada. Ci sono alcuni alert circa il raggiungimento del pieno successo del progetto, quali l’obbligatorietà del casco che andrebbe attivata e fatta rispettare, l’obbligo da parte delle case auto ( Tutte) di fornire di serie il dispositivo di tracciatura e fare in modo che la capillarità di auto e biciclette venga coinvolta nella sua totalità. Limitare la cosa alle singole unità Volvo, significa al momento, non ottenere risultati significativi sulle statistiche di cui sopra. Grazie. r.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: