Volvo XC90: il sedile che protegge la spina dorsale

volvo-sicurezza

www.grupporesicar.it

Volvo XC90: il sedile che protegge la spina dorsale

Dici Volvo, pensi alla sicurezza. Una fama che gli svedesi si sono costruiti negli anni e che consolidano continuamente con investimenti e innovazioni importantissime per la sicurezza dei propri clienti, ma non solo. Un esempio? Il primo dispositivo al mondo che permette di evitare le collisioni con i veicoli che si incrociano: il beneficio è per tutti, non solo di chi si trova sulla Volvo. Ma se siamo andati fino a Göteborg è per un altro motivo: per vedere dal vivo come fuzionano i sedili con sistema di assorbimento dell’energia verticale, utili a ridurre le probabilità di lesioni spinali.

questo scopo, una nuova XC90 è stata lanciata a 80 km/h da una “pista” di lancio (lunga più di 100 metri e montata su cuscini d’aria attraverso i quali viene fatta ruotare per variare l’angolo di impatto dei veicoli), al termine della quale c’era un fosso nel quale la vettura si è prima infilata per poi rimbalzare violentemente fuori e andare a impattare contro una barriera di terra. In pratica, una sorta di test “del fosso”: un tipo di incidente molto comune sulle strade svedesi e USA, che provoca facilmente lesioni spinali, a causa dei sobbalzi violenti ai quali sono sottoposti i passeggeri.

Cosa accade, nel concreto? Quando l’XC90 esce di strada (nonostante il “richiamo” del dispositivo anti scavalcamento involontario della corsia) e l’intervento dell’uomo è ormai impossibile, l’elettronica sale in cattedra. Per prima cosa, i sensori sparsi in ogni dove captano tutto quello che c’è da captare e lo inviano alle centraline, le quali, a loro volta, capiscono cosa sta per verificarsi grazie a sofisticati algoritmi. In pochi istanti e in rapida sequenza, ecco cosa accade: le cinture di sicurezza anteriori vengono pretensionate elettricamente; dopo che le ruote hanno toccato il fondo del fosso e le sospensioni hanno esaurito la propria corsa (nel momento in cui, in pratica, si tocca il picco di accelerazione verticale verso il basso), entrano in gioco i sedili collassabili. Di cosa si tratta? I supporti sui quali sono montato sono studiati per cedere al di sopra di un certo valore di accelerazione, in modo da avvicinarsi al pavimento della vettura e ridurre le sollecitazioni per la colonna vertebrale. Da questo momento in avanti, quando il veicolo procede a balzi su un fondo sconnesso, il tensionamento elettrico della cintura continua per minimizzare le oscillazioni dei corpi.

Non contenti di tutto ciò, in Volvo si sono posti un obiettivo molto ambizioso: nessuno, dal 2020 in avanti, dovrà più perdere la vita o rimanere gravemente ferito a bordo di una Volvo. Il progetto si chiama Vision2020 e la messa a punto del sistema di assorbimento dell’energia verticale è un importante passo in questa direzione. Il motivo lo dicono i numeri: nel periodo 2001-2005, rispetto al 1991-1995, le lesioni gravi di tutti i generi i sono ridotte dal 7,5% al 2,8%. Se il confronto, riferito agli stessi periodi, lo si riferisce invece nello specifico delle lesioni toraciche e spinali, la riduzione è molto meno marcata: si passa dall’1% allo 0,8%. Ecco, il merito della Volvo è proprio qui: dare importanza anche a numeri piccoli, in senso assoluto, ma che hanno implicazioni molto gravi se si pensa che una lesione spinale potrebbe significare la sedia a rotelle. Si spiegano così i cospicui investimenti messi in campo a Torslanda, dove da tanti anni esiste un’area di crash test per impatti realistici che viene costantemente aggiornata. Già, perché in Volvo non si accontentano delle 5 stelle EuroNCAP: loro inseriscono quante più variabili possibili, per il miglioramento della sicurezza stradale, che non può essere ridotta a qualche prova (per quanto comunque importante) contro una barriera fissa o un palo.by gentemotori.it

Digital Manager Amos Amodei

play storeApp Store

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi