fbpx

Nissan Brain-to-Vehicle, la macchina si guida con il pensiero

La casa giapponese studia un sistema per anticipare le nostre intenzioni al volante

“Quando si parla di guida autonoma, quasi tutti pensano a un futuro molto impersonale, in cui gli esseri umani delegano il controllo ai veicoli. Invece la tecnologia B2V va esattamente nella direzione opposta, perché sfrutta i segnali del nostro cervello per rendere la guida ancora più emozionante e godibile”, afferma in un comunicato ufficiale Daniele Schillaci, Executive Vice President di Nissan.

La tecnologia Brain-to-Vehicle è studiata per decodificare l’attività cerebrale del guidatore tramite un apposito dispositivo indossabile sul capo: non

appena chi è al volante si appresta a compiere un movimento – girare il volante o premere il pedale dell’acceleratore – B2V rileva l’impulso emesso dal cervello e i sistemi di assistenza alla guida intervengono tempestivamente, riducendo i tempi reazione e migliorando la guida manuale.

Come spiega Nissan “prevedendo le intenzioni e i movimenti dell’essere umano, i sistemi possono intervenire (girando il volante o rallentando il veicolo, ad esempio) con un anticipo di 0,2-0,5 secondi sul conducente, senza quasi far percepire il loro funzionamento”.

by Digital Manager Automotive Amos Amodei




Spread the word. Share this post!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

KM ZERO con Consegna Gratuita in tutta Italia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: