Un rally da campioni, il backstage

Oltre ai piloti, una singola gara del WRC muove quasi cento persone a team. Per gestire tutto, dall’officina al catering. Lo squadrone Hyundai apre perfino una… Concessionaria

IMG_20160611_220437-kq4-U43200119927163jvC-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443Quest’anno le vittorie nel Mondiale sono già due (Rally d’Argentina e di Sardegna: guarda il servizio). Ma si sa, non sono solo il pilota e l’auto che fanno la squadra vincente. Nel caso di Hyundai c’è il più completo, moderno ed efficiente motorhome dell’intero WRC. Due piani noti come «la concessionaria» che contengono tutto, dall’hospitality alle officine che fanno l’assistenza durante il rally alle vetture coinvolte. Ma vediamo un po’ di numeri per capire meglio cosa voglia dire affrontare una gara del Mondiale dalla parte di chi le auto le vede solo quando arrivano in assistenza.

Quattro auto e 75 persone

In una gara in cui le auto schierate al via sono quattro, come quelle in Sardegna e in Portogallo, le persone che sbarcano per seguirle sono 75. Oltre agli ingegneri di macchina, ci sono anche il fisioterapista, gli uomini del meteo e delle ricognizioni (nei rally si provano in anticipo i tratti cronometrati non solo per prendere le note, compito del pilota e del navigatore, ma anche nei giorni di gara i cosiddetti ricognitori passano prima per constatare condizioni della prova, meteo e varie ed eventuali che comunicano poi al team). Prima però arrivano i 16 uomini che devono costruire il motorhome ai quali si aggiungono i 6 del catering.

Due piani, 450 m²

Tra di loro, la chiamano «la concessionaria». È il motorhome Hyundai suddiviso su due piani: a terra la zona d’assistenza per le auto e al primo quella dedicata all’ospitalità, dove si mangia, si passa il tempo guardando i monitor dei tempi degli equipaggi in gara e si festeggia alla fine della corsa, se è il caso. Per «farla vivere» sono coinvolti in totale 40 veicoli, tra auto per gli ospiti, van e carrelli contenenti vari pezzi di ricambio e viveri necessari alla trasferta.

Settemila pasti e 120 kg di carne

Durante un rally che si corre in Europa si consumano in media 120 kg di carne, 40 di formaggio, 60 di pesce, 240 di verdure e 500 litri d’acqua. In un anno, alla fine, sono 7.000 i pasti serviti nella «concessionaria».

Cambio e frizione in 30 minuti

I tempi dell’assistenza non sono infiniti, anzi i meccanici hanno un cronometro che scandisce i minuti disponibili per il lavoro ogni volta che l’auto rientra in assistenza. Se non hai bisogno di più tempo, non si può, s’incorrerebbe in una penalità di tempo che di fatto ti escluderebbe dalla classifica che conta. Dunque, bisogna fare tutto in fretta e bene. I sei uomini che lavorano attorno all’auto ci mettono 30 minuti per cambiare completamente la trasmissione, frizione compresa, 10 minuti per installare nuovi ammortizzatori, 2.30 ore per sostituire l’intero motore.

by Digital Manager Automotive Amos Amodei

play storeApp Store

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi